Pol Franci Jimenez, il primo acquisto HRC Monza

By
Updated: giugno 17, 2018
franci-jimenez-acquisto-hrc-monza

Il primo acquisto della stagione 2018/19 risponde al nome di Pol Franci Jimenez, ha 21 anni e l’ultima stagione l’ha trascorsa all’Alpicat, nella seconda divisione spagnola.
Sarà lui l’attaccante che colmerà il vuoto lasciato in fase offensiva dalla partenza di Pedro Batista, che ha fatto ritorno in Portogallo accasandosi nel “suo” Turquel.
Minuto nel fisico, ma rapido nei movimenti offensivi e con un ottimo gioco di stecca, Pol è stato scelto da Tommaso Colamaria e da Franco Girardelli per dare continuità al lavoro sui giovani, strada intrapresa tre stagioni or sono e che sta portando ottimi frutti.

LA CARRIERA
Catalano purosangue, Pol è nato a Bell-lloc d’Urgell, paese di 2.400 abitanti alle porte di Lleida, il 13 febbraio 1997. Proprio nel piccol club del suo paese ha iniziato a giocare fin da quando aveva 2 anni, momento in cui ha capito di voler trascorrere una vita sui pattini. L’addio al club di nascita arriva in età junior, quando approda al Manlleu, dove vince un campionato spagnolo Juvenil, battendo in finale il Barcellona per 3-2, realizzando un gol determinante.
Nell’ultima stagione ha militato nell’Alpicat, dove ha messo a segno 22 reti, chiudendo al decimo posto della classifica marcatori, ai quali vanno aggiunti 2 assist all’attivo.

A parte l’hockey Pol? “Mi piace molto il calcio – esordisce Franci Jimenez – , tifo il Barcellona e ovviamente il mio idolo è Leo Messi. Ma ho anche un amore italiano: Valentino Rossi, che mio padre mi ha fatto apprezzare fin da quand’ero bambino.
E nel nostro mondo, chi apprezzi di più? “Tra i giocatori di hockey non ne amo uno in particolare. Piuttosto apprezzo le virtù dei buoni giocatori, perché ognuno ha caratteristiche proprie e gioca uno stile di hockey differente. Così provo ad apprendere i pregi dei migliori…”
Pol Franci Jimenez si presenta così. Umile, veloce e con tanto “pepe” da aggiungere ad una squadra che ha una grande voglia di rimettersi al lavoro.

Paolo Virdi

You must be logged in to post a comment Login