Marc Ollè, parola di leader

By
Updated: agosto 21, 2018
hrc-monza-olle-palarovagnati

A Monza è stato confermato il blocco che ha fatto molto bene lo scorso anno. Un gruppo giovane, solido e coeso, che investe Marc Ollè come il proprio leader in pista. Il catalano ha voluto fortemente rimanere in biancorossoblu grazie a motivazioni validissime, che esulano diametralmente da origini economiche. Ollè dichiara a gran voce di credere nel lavoro del club, nella squadra allestita e nel progetto di Girardelli, Colamaria e Brambilla. Mentre il mondo oggi si muove per il dio denaro, Marc ha deciso di restare a giocare semplicemente dov’è più felice.

Partiamo dal presente, l’estate e non potrebbe essere altrimenti “Ho fatto vacanza con la mia ragazza – ride sornione Marc prima di recarsi a Salou la “marina” di chi vive a Reus – palestra e qualche campo estivo di hockey, giocando con i giovani. In pratica sono stato solo 2 settimane senza giocare e sono anche troppe. Ora non vedo l’ora che giunga il 4 Settembre per iniziare un grande anno”. Scavallato Ferragosto, l’estate corre veloce lungo una discesa che porta all’inizio di una nuova stagione. Un anno che Marc vuole vivere intensamente a Monza “Sono rimasto qui soprattutto per le persone, per i dirigenti, i tifosi e i compagni – dichiara il numero 4 -. Questo è un gruppo stupendo, dove non esistono egoismi e tutti vogliono giocare per la squadra, mostrando un grande senso di appartenenza alla maglia”. Parole di leader, di chi ha vissuto in prima persone l’hockey ai massimi livelli (fu attore non protagonista nel 2017 – a causa di due infortuni – nel Reus di Enrico Mariotti che contro ogni pronostico vinse l’Eurolega). L’esperienza e il vissuto a fianco di fior di campioni lo porta a parlare con cognizione di causa “Io mi sento un giocatore importante per la squadra – afferma Ollè – e ho un’immensa voglia di fare un grande anno. Il mio desiderio è quello di far bene in Europa, e proseguire il più possibile il cammino in Coppa CERS (che prenderà il nome di “WSE Cup”): ci siamo meritati in pista di giocare la manifestazione e dobbiamo fare uno sforzo per vincere più gare possibili”.

Chiediamo, per vicinanza geografica e condivisione di “cantera” catalana, due parole sul giovane neo acquisto Pol Franci “So che è un buon giocatore, universale e minuto fisicamente – racconta Ollè – uno che si butta su ogni pallina e si muove molto bene senza. Noi abbiamo bisogno di giocatori intelligenti che sappiano fare movimenti offensivi con i giusti tempi. Pol difende con ordine, sa giocare bene sul secondo palo ed è abile nel gioco sotto porta. Soprattutto è veloce e tecnico”. Il mister Colamaria in preseason non si è nascosto dietro un dito, dichiarando che i playoff sono l’obiettivo da centrare “Ciò che dice Tommy è legge – afferma il catalano -. Noi tutti vogliamo arrivare ai playoff e per raggiungerli la società ci sta aiutando logisticamente in ogni modo, sia con più allenamenti a Biassono, che con la palestra. Certo, in serie A1 la concorrenza è molta e ci sono tante squadre forti, ma tutti dovranno fare i conti con noi”. Parola di leader.

Paolo Virdi

You must be logged in to post a comment Login