Eurolega, l’HRC pesca Benfica, Noia e Montreux. Le date

By
Updated: settembre 2, 2018
calendario-hrc-monza-eurolega-2018-2019

Un sorteggio tutto sommato positivo, per il Teamservicecar, che ieri a Correggio – dove questa sera prenderà il via l’Europeo Under 17 World Skate Europe – ha conosciuto le avversarie che affronterà nei gironi di Eurolega.
L’HRC Monza è stato inserito nel gruppo D insieme al Sport Lisboa e Benfica – Modalidades colosso portoghese, nel cui roster spiccano nomi importanti come quello di Carlos Nicolia. Il secondo avversario sarà Il Noia “nobile decaduta” di Spagna, che da tempo lotta all’ombra dei soliti Barcellona, Reus e Liceo. L’ultimo ostacolo è rappresentato dagli svizzeri del Montreux Hockey cittadina rinomata per essere la culla dell’hockey continentale.
Il calendario prevede l’esordio il 20 Ottobre in casa del Sport Lisboa e Benfica. La seconda giornata vedrà il debutto casalingo con il Noia Freixenet (17/11), mentre l’ultima di andata è in programma a Montreux l’11 dicembre. Il ritorno è così programmato: 19 Gennaio 2019 Monza – Montreux, 16 Febbraio Monza – Benfica e chiusura a San Sadurni d’Anoya il 9 Marzo.

Questo il pensiero di Tommaso Colamaria in questi giorni impegnato proprio a Correggio come C.T. della FISR – Federazione Italiana Sport Rotellistici Nazionale Under 17.
Per il mister sarà un’esperienza che potrebbe aprire scenari inimmaginabili.
“Inizialmente sono rimasto un po’ deluso perché avrei preferito due squadroni iberici, con cui poterci giocare 200 minuti di qualità, intensità e fare un’esperienza di un certo tipo. Per i nostri ragazzi sarebbero state 4 partite di livello assoluto, una possibilità che difficilmente potrebbero ripetere nel breve periodo. Poi quando ho focalizzato meglio, ho capito che gli obiettivi potrebbero essere altri: Noia e Montreux sono squadre che potrebbero essere anche alla nostra portata – inutile nascondersi dietro falsa modestia – e l’asticella delle nostre ambizioni potrebbe alzarsi ulteriormente. Gli obiettivi ora cambiano e saranno in funzione di un sorteggio che ci ha un relativamente spiazzato. E perché no, quei 100 minuti ulteriori potremmo anche andare a prenderceli in un contesto che mai avremmo potuto immaginare, magari in un impronosticabile quarto di finale”.

Paolo Virdi

You must be logged in to post a comment Login